transtemporalità

La sezione che non può mancare in ogni forum che si rispetti. La musica è tutto per noi, ma a volte capita che parliamo d'altro. In questa sezione potete parlare di tutto ciò non abbia attinenza con la musica...

Re: aiuto tesina maturità scientifica!!!

Messaggiodi darionescu

La mappa falla molto molto semplice... per il programma direi power point... non so magari però è banale
Consigli per l'acquisto della prima chitarra acustica ed elettroacustica
"Mai sulla terra un uomo ha ancora riso come lui!" [F.Nietzsche]
darionescu
Musicista guru
Musicista guru
 
Messaggi: 1667
Località: Segrate (Milano)


Re: aiuto tesina maturità scientifica!!!

Messaggiodi dinnin1979

Per quel che riguarda la fisica, se hai quella materia alla matura, ma essendo maturità scientifica, penso tu la abbia, potresti portare come argomenti il moto armonico (quello delle corde della chitarra) e potresti completare il tutto con un breve accenno alla propagazione dei suoni in relazione alle vibrazioni nel moto armonico ^^

Più fisico e chitarristico di così :P

P.s. .. che, alla maturità, piacciono ste cose ai prof... magari portati la chitarra e fai una dimostrazione pratica dei suoni :P
dinnin1979
Musicista bebè
Musicista bebè
 
Messaggi: 283

Re: aiuto tesina maturità scientifica!!!

Messaggiodi rufus89

darionescu ha scritto:La mappa falla molto molto semplice... per il programma direi power point... non so magari però è banale


semplice semplice con cosa però?che io col computer non ci smanetto molto e non sono molto ferrato sui programmi..avevo pensato a power point anche io..in fondo non è molto complicato da usare ed è efficace per le presentazioni..alla fine mi serve solo da supporto perchè il resto lo dico a voce..però volevo vedere se c'era qualcosa di più "professionale"..


dinnin1979 ha scritto:Per quel che riguarda la fisica, se hai quella materia alla matura, ma essendo maturità scientifica, penso tu la abbia, potresti portare come argomenti il moto armonico (quello delle corde della chitarra) e potresti completare il tutto con un breve accenno alla propagazione dei suoni in relazione alle vibrazioni nel moto armonico ^^

Più fisico e chitarristico di così :P

P.s. .. che, alla maturità, piacciono ste cose ai prof... magari portati la chitarra e fai una dimostrazione pratica dei suoni :P


è si che ce l'ho fisica!al moto armonico ci avevo pensato..però a parte che mi sembra leggermente scontato è del programma dell'anno scorso..e sinceramente già porto parecchie cose fuori programma..porterò il fenomeno dell'induzione magnetica nella tecnologia di riproduzione del suono..e quindi il funzionamento del trasduttore per chitarra elettrica..devo studiarmi che è sta roba perchè ancora non c'ho del tutto chiaro il meccanismo! :P comunque grazie mille!

ragazzi se avete qualche altro suggerimento(specialmente sul fatto dei programmi) è ben accetto!
"In ogni conflitto le manovre regolari portano allo scontro, e quelle imprevedibili alla vittoria." (Sun Tzu - L'arte della guerra)

Accordi e tab Asaf Avidan
Avatar utente
rufus89
Musicista affermato
Musicista affermato
 
Messaggi: 1002
Località: Latina

Re: aiuto tesina maturità scientifica!!!

Messaggiodi Mauro80

Vai tranquillo con powerpoint Rufus! E' quello più usato, semplice da imparare ad usare, e puoi inserire immagini e collegamenti a file video e audio... per il fatto che sia poco professionale, ti dico solo che lo usano anche i prof all'università e i relatori dei vari convegni scientifici, don't worry ;)
Mauro80
Musicista guru
Musicista guru
 
Messaggi: 7933
Località: TO

Re: aiuto tesina maturità scientifica!!!

Messaggiodi darionescu

secondo me la mappa concettuale basta farla con word... almeno, io farò così; poi non so se tu hai idee magari più originali; io la tesina la porterò sul concetto di infinito: ci metto i limiti, il metodo di esaustione (Mate), velocità istantanea (Fisica), Schopenhauer (filosofia), Leopardi (Italiano)... Non so come renderla poco noiosa e meno banale perché mi sembra tale; ma a me piace l'argomento...
Consigli per l'acquisto della prima chitarra acustica ed elettroacustica
"Mai sulla terra un uomo ha ancora riso come lui!" [F.Nietzsche]
darionescu
Musicista guru
Musicista guru
 
Messaggi: 1667
Località: Segrate (Milano)

Re: aiuto tesina maturità scientifica!!!

Messaggiodi rufus89

darionescu ha scritto:secondo me la mappa concettuale basta farla con word... almeno, io farò così; poi non so se tu hai idee magari più originali; io la tesina la porterò sul concetto di infinito: ci metto i limiti, il metodo di esaustione (Mate), velocità istantanea (Fisica), Schopenhauer (filosofia), Leopardi (Italiano)... Non so come renderla poco noiosa e meno banale perché mi sembra tale; ma a me piace l'argomento...


il concetto di infinito effettivamente mi sebra un po' banale..più che altro per il fatto che è un tema abbastanza inflazionato..però se lo sviluppi bene e ti piace andrai sicuramente bene..in fondo il tema conta ma poi alla fine è quello che dici e come lo dici l'importante..una mia compagna di classe porta come traccia "il limite come porta sull'infinito"..potresti fare anche così e matematica la colleghi ancora meglio..ma di arte porti qualcosa?c'è quell'opera di friedrich molto bella che si ricollegherebbe a pennello..se vuoi ti cerco il nome..

Io per la mappa avevo una bella idea..praticamente di mettere al centro del foglio una chitarra in obliquo..e poi dalle corde vorrei fare uscire le linee che portano ai cerchietti con gli argomenti..solo che sono impedito col computer e la grafica..quindi ho trovo qualcuno che mi da una mano o non se ne parla! :-((
"In ogni conflitto le manovre regolari portano allo scontro, e quelle imprevedibili alla vittoria." (Sun Tzu - L'arte della guerra)

Accordi e tab Asaf Avidan
Avatar utente
rufus89
Musicista affermato
Musicista affermato
 
Messaggi: 1002
Località: Latina

Re: aiuto tesina maturità scientifica!!!

Messaggiodi darionescu

Arte mi interesserebbe il nome dell'opera :) Carina l'idea della chitarra comunque! Con power point la puoi fare e viene benino dai! Non devi essere espertissimo in grafica!
Consigli per l'acquisto della prima chitarra acustica ed elettroacustica
"Mai sulla terra un uomo ha ancora riso come lui!" [F.Nietzsche]
darionescu
Musicista guru
Musicista guru
 
Messaggi: 1667
Località: Segrate (Milano)

Re: aiuto tesina maturità scientifica!!!

Messaggiodi SoundOfDreams

come musica puoi portare mmh.. andy wahrol e la sua pop art visto che ha dipinto i maggiori esponenti musicali del suo tempo.
Se invece di vuoi buttare sul concetto di musica ci sarebbe Paul Klee,le sue tele hanno come nomi i temi riguardanti musica e teatro,ho cercato un link.. ecchite http://users.unimi.it/~gpiana/dm3/dm3kledg.htm
Oppure caravaggio che era appassionato di musica http://www.teatro.org/rubriche/prosa/la ... ggio_10583

scusa.. ho letto dopo che avevi già fatto i collegamenti
SoundOfDreams
Musicista guru
Musicista guru
 
Messaggi: 12638
Località: Villa Literno (Caserta)

Re: aiuto tesina maturità scientifica!!!

Messaggiodi rufus89

darionescu ha scritto:Arte mi interesserebbe il nome dell'opera :) Carina l'idea della chitarra comunque! Con power point la puoi fare e viene benino dai! Non devi essere espertissimo in grafica!


dovrebbe essere "viandante sul mare di nebbia" di friedrich..

SoundOfDreams ha scritto:come musica puoi portare mmh.. andy wahrol e la sua pop art visto che ha dipinto i maggiori esponenti musicali del suo tempo.
Se invece di vuoi buttare sul concetto di musica ci sarebbe Paul Klee,le sue tele hanno come nomi i temi riguardanti musica e teatro,ho cercato un link.. ecchite http://users.unimi.it/~gpiana/dm3/dm3kledg.htm
Oppure caravaggio che era appassionato di musica http://www.teatro.org/rubriche/prosa/la ... ggio_10583

scusa.. ho letto dopo che avevi già fatto i collegamenti


grazie lo stesso luana..avevo pensato anche io a paul klee..però non siamo arrivati all'astrattismo e non volevo portarlo che già ho tante cose fuori programma..porto matisse e il dipinto "la musica"..che poi lo ricollego all'altro suo dipinto "la danza" e vado a finire alla cena di trimalcione(petronio) in latino parlando dei banchetti ai tempi dei romani! :-DD
"In ogni conflitto le manovre regolari portano allo scontro, e quelle imprevedibili alla vittoria." (Sun Tzu - L'arte della guerra)

Accordi e tab Asaf Avidan
Avatar utente
rufus89
Musicista affermato
Musicista affermato
 
Messaggi: 1002
Località: Latina

Re: aiuto tesina maturità scientifica!!!

Messaggiodi rossella

fammi sapere com è andata e cosa ne pensano i prof,anche perchè anch io sto allo scientifico e l anno prossimo devo fare l esame :-(
rossella
Musicista embrione
Musicista embrione
 
Messaggi: 65
Località: Salerno

Re: aiuto tesina maturità scientifica!!!

Messaggiodi darionescu

Oddiooooo è presto per dire ste coseee aaaaaaaaaaagh
Consigli per l'acquisto della prima chitarra acustica ed elettroacustica
"Mai sulla terra un uomo ha ancora riso come lui!" [F.Nietzsche]
darionescu
Musicista guru
Musicista guru
 
Messaggi: 1667
Località: Segrate (Milano)

Re: aiuto tesina maturità scientifica!!!

Messaggiodi Eridanus04

ragazzi invece avete qualche citazione o delle belle immagini per condire la presentazione?
Cellar Door
Eridanus04
Musicista bebè
Musicista bebè
 
Messaggi: 230


Re: aiuto tesina maturità scientifica!!!

Messaggiodi darionescu

Riguarda le opere d'arte. Cerco quest'opera: titolo e autore...Grazie!
Immagine
http://img164.imageshack.us/my.php?image=foto20xw8.jpg
Consigli per l'acquisto della prima chitarra acustica ed elettroacustica
"Mai sulla terra un uomo ha ancora riso come lui!" [F.Nietzsche]
darionescu
Musicista guru
Musicista guru
 
Messaggi: 1667
Località: Segrate (Milano)

sublime

Messaggiodi plethom

:SSS; transublime :-(( FF:: ................................sublime degli esseri di svelarsi in una transarmonia: il gioco terribile meraviglioso del distruttivo e la fuga inesorabile della fortuna, sublime intorno al daemon della transpurezza coincidente con l'esistenza nel relativo sublime: il fascino intero di quel sublime di magnitudine nel matematico sublime, nel dinamicamente sublime come transdynamis nel sublime, quale propriamente sublime e natura alternazione e alterità, rapidità e alterezza. Così, il sublime è intenzionale quale libertà in trascendenza sublime:i sublimi possono essere anche amorfi, il sublime sembra essere-intenzionale, transviolenta le facoltà di senso e di transestetica apprensività.
Kant divise il sublime nel 'matematico', grande magnitudine ed il 'dinamico' , magnitudine di forza in relazione alla volontà. Il matematico sublime è definito come qualche transentità transfenomenica di 'assolutamente grande', ovvero 'grande oltre ogni paragone', o transidea sublime. Di solito, applichiamo qualche genere di standard di paragone. L'assolutamente grande, comunque non è il risultato di un paragone o una comparazione spaziale.
Alcun ob-getto è misurabile, anche la taglia dell'universo, nessuno nè meno una montagna. Kant pensò soltanto al matematico in natura, ma fondamentalmente riflesso sul 'estetico' nel senso di 'intuitivo' . La misura, richiede un numero o anche un transenso di transingolarità, che possano essere contenute insieme nell'immaginazione e così 'comprese' . Un ob-getto che ecceda questi limiti, nonostante la sua taglia matematica, sarà transpresente come assolutamente grande . Sublimi ob-getti di transenso, oceani, piramidi sono definiti sublimi. Transdasein-analytik del transideale transestetico estatico:
nell'analitica della transbellezza Kant introduce il concetto "dell' ideale della bellezza" nella relativa forma più pura quale translogos della transpurezza, quale risposta all'apparenza pura della forma in un ob-getto, in contrasto con tutto il reale, in uno dei sensi di quel concetto, avente uno scopo specifico o essendo destinando ad avere uno scopo, identifica così la transbellezza della transpurezza con la forma o l'apparenza pura. Kant complica la sua analisi riconoscendo le forme della bellezza che non sono pure ma connesse con il riconoscimento del reale: è "la bellezza aderente," una bellezza della forma che è costante o stabile o appropriata per lo scopo di un ob-getto o un gegenstad o un ente o un superente, che abbiano chiaramente un telos, quale relativa forma possibile nei vari sensi, o sensibilità empiriche. Kant addiviene al transideale della bellezza, quando non ci sia adeguatezza tra le transidee e il gegenstand, ma mai al transideale del sublime, giacchè è paradossale in sè, o di più alto modello, l'archetipo, una traspresenza di un ob-getto specifico o il tipo particolare di ob-getto che sia massima transbellezza , si pensa la transbellezza iniziata dalla translogica o l'archetipo . La transbellezza per cui un'idea è di essere ricercata non può essere una bellezza vaga, debba appartenere all'ob-getto di un translogos interamente puro. Ciò significa che il transideale della transbellezza è l'essere aderente: un'espressione transestetica unicamente adatta per quello o questo scopo o estremità dell'esserci, il solo capace di un transideale della transbellezza, giacchè c'è sempre inadeguatezza tra la transidea e il gegenstand. Il transdasein è il solo fra tutti i transenti nel mondo capace del transideale di perfezione, anche quale transbellezza della figura del transesserci, in interagenza con l' immaginazione. L'immaginazione è implicata: il transideale della transbellezza può essere generato soltanto da un atto epigenetico dell'immaginazione transestetica; l'associazione deve essere generata dall'immaginazione, significa che il transideale della transbellezza può essere trovato nella transbellezza architettonica della forma del transesserci nello spazio: cioè la configurazione stabile delle caratteristiche dell'apparenza della transvivenza, quale transarmonia fra le funzioni esplicitamente volute dei movimenti intenzionali dinamici dell'essere del transente e le funzioni istintive in conformità con i principii transideali, anche qualora si de-purino desideri e sensibilità : l'esistenza è la libertà dei movimenti intenzionali dinamici del transesserci, la bellezza "d'eccitazione" e "la bellezza di distensione" o "di fusione". Schelling pensò la transbellezza naturale: la sua è una teoria della transbellezza naturale ed artistica transestetica della transprensività transensitiva della verità. Estetica che nella sua classificazione delle arti, disvela un riconoscimento adeguato dell'importanza della verità , effettivamente verità in transenso, nell' esperienza nell'arte o del sublimity, per la conoscenza della verità: l'estetica di Kant invece svela il piacere nella transbellezza disinteressata, soddisfacente senza un concetto, una transensibilità del piacere in un ob-getto senza considerare che cosa i concetti applichino, una transensibilità quale translogos della transbellezza, il riconoscimento di adattamento dell'ob-getto al relativo ambiente quale essere nello spazio, non la verità: percezione di transarmonia e di benessere allineate nella transarmonia e transensibilità, dove la natura riveli una costanza elastico-efficace delle transentità, nella transbellezza armoniosa o transensibilità o natura armoniosa, o transonanza fra transarmonia e transessere in natura, percezione di transarmonia in natura bene-ordinata che attragga l' attenzione o la transensibilità della transbellezza o la transvisione della transbellezza . Si interpreta così la transensibilità nella transestetica come sensibilità della transvivenza profonda, la sua transvisione quale epigenesi del piacere estetico: è l' analisi della transvisione transideale libera della bellezza naturale, che non dipenda dalla concetto del relativo ob-getto, non si conclude là, la sua analisi delle esperienze estetiche include i casi della bellezza aderente degli impianti della natura così come dell'arte in generale, sua è la concezione di gioco libero con la forma pura di un ob-getto, in una armonia di forme quale transarmonia in transbellezza. Si complicò così la concezione iniziale del disinteresse di tranvisione transestetica per consentire l'interesse intellettuale nell'esistenza della bellezza naturale, quale esperienza nella bellezza o esperienza in benessere nell'essere nel mondo, in connessione con il gioco libero delle facoltà e della sensibilità nella radura di transvivenza. Là la soddisfazione o il piacere è la transensibilità, è la coscienza di un gioco libero di tutte le facoltà degli esseri che si identifichi nel gioco libero delle facoltà , il gioco della mente che deve essere fortemente vivo e liberante e animante. Il piacere intellettuale è costituito nella coscienza della libertà in conformità con le transcategorie. La libertà è una continuità piuttosto che discontinuità : il piacere transestetico è interesse intellettuale nella transbellezza, transpriorità, l'esistenza della transbellezza è "una traccia" o "segno" , l' interesse intellettuale nell' estetica è soggettiva. Il piacere transestetico nella bellezza naturale è un segno della possibilità del trans-essere in natura, lì si desidera sostenere il nesso fra l'interesse intellettuale ed estetico nell'esistenza della transbellezza , senza disvelare l'estetica della verità. Il sublime disvela l'intermittenza del cuore e dà stabilità instabile all'attesa immobile e con-tesa. È stancante, angosciante giacchè c'è sempre l'apprensività dell'essere. La bellezza discioglie l'anima o l'essere animato. L'evento del sublime va al di là dei frammenti è la tranvisione delle passioni in epigenesi sublimi, sublyme non è perché ci sono sublymità, bensì, al contrario, poiché e in quanto accade il sublyme, persiste la necessità del sublyme. E soltanto la necessità del sublyme è il fondamento di possibilità del sublyme. La domanda sull’origine del sublyme deve procedere dall’essere-sublyme. Ma l'essere-sublyme si determina in primo luogo, ovvero di già, dall’origine si traneventui il sublime: consiste nell’acquisizione della transpriorità del sublyme nel suo essere-sublyme: essere-sublyme, nel senso dell’essere-in-ekstasy, anche in quello dell’essere-ob-getto del sublyme in generale: il tentativo di riscattare il sublyme da ogni riferimento ad altro all’infuori di sè non contravviene proprio all’essenza del sublyme? Certamente, giacché il sublyme vuol essere disvelato in quanto sublyme. E per la precisione in via supplementare all’interno di una svelatezza: essere-sublyme significa essere-disvelato. Però la domanda è che cosa voglia dire, qui, disvelatezza. In generale, ciò in cui la sublymanza mentre sta sospesa fuori nell’aperto
non è mai transentità sussistente , bensì nell’essere-disvelata
della sublymanza quest’ultima si procura per la prima volta la propria dimensione transestatika. E da questa forza
di transdecostruzione si misura la grandezza del sublyme.
Da sé, questo prendere riferimento nell’aperto è certamente essenziale per l’essere-sublyme; ma esso prende fondo, per parte sua, nel tratto fondamentale dell’essere-sublyme, che dovrà essere portato gradualmente alla translucenza: della sublymità come essa è di per sé e presso di sè. La sublymanza è presso se stessa fintanto che il sublyme è in ekstasy, nell’essere-sublyme. Qualunque gegenstand in contrastanza eristica di qualsiasi transfenomenica transkategorika che disveli alcun genere di eccitanza, o di transestasi della physis quali transidee di dolore e pericolo e terrore e orrore e paura e angoscia, o qualunque transfenomeno transintenzionale che faccia percepire alcun genere di terribilità, o sia noematico di ob-getti terribili, od opera in una maniera analogo a terrore, è una fonte del sublime o dà origine al sublyme; ovvero, è autopoiesi dell'emozione più forte che la mente sia capace di sentire: quale emozione più forte, perché si è soprafatti in transcendenza dalle transidee sul dolore che sono molto più potenti di quelle che subentrino quali transfenomeni del piacere: il dispiacere è più potente della debolezza o delicatezza piacevole, quell'alternanza o quell'alterità transintenzionale svela in sè il transfenomeno della dynamis o movimento in sè dell'essere-sublyme. Senza altro i tormenti che attanagliano l'esserci quali paura, terrore ed angoscia svelano sofferenze inaudite ed indicibili, prossime all'estasi mistica della compassione e sono molto più grandi nel loro effetto sul corpo animato che alcun piacere sia pure immaginato, dal libertinaggio più dotto o più singolare, o che l'immaginazione della transvivenza, o che il più transonoro e squisitamente assennato, potrebbe godere: si è sempre nel grande dubbio quando si immagini che alcuni potrebbero rinunciare ad una vita di soddisfazioni la più perfetta al fine di terminare la transvivenza nei tormenti, anche in prospettiva di eventi generanti dolori e dispiaceri, giacchè la seducenza del sublime è più forte del semplice piacere, così come la transbellezza sublime della morte è più nobile o eccelsa del semplice morire o perire o lasciarsi andare o attendere gli eventi della fine: così la morte o essere-per-la-morte è in generale una transidea molto più toccante o più nobile o più eccelsa o sublime del dolore; perché c'è la transfenomenica del sublime nel dolore e di più nella morte sublime, comunque lì si è in prossimità dell'essere per la morte e quindi in una situazione emotiva sublime, infinitamente e dinamicamente più squisita o disquisita della delicatezza piacevole, quali più dolorosi e più compassionevoli e quindi più autentici del tremore o dell'intermittenza del terrore. Quando il pericolo o il timore del dolore sono incapaci di offrire alcuna delizia, sono semplicemente terribili; a certe distanze, e con transequilibri, i transfenomeni sublimi possano essere, e lo sono, deliziosi e angosciosi se compresi nella transautenticità dell'essere in prossimità della morte sublime. Le compassioni che appartengano completamente alla transingolarità dell'esserci quali dolore o pericolo o paura ed angoscia insistono sempre in compresenza di piacevoli delicatezze o desideranze, perciò la perdita o l'assenza o la presenza assente suscitano transeventi più alti e più nobili nella mente, sempre e indelebilmente. Gli effetti violenti generati dall' amore sono sempre in prossimità della follia quale epigenesi del sublime: transdynamis nell'arkè o transevento del movimento transestatico nella physis animata. Quando si soffre con le immaginazioni si è assorbiti così completamente da sentirsi attratti in transvertigini da una abissalità infinita senza fondo o senza fine, come se si fosse chiusi fuori da ogni altra mondità o mondanità, in un vorticosa abissalità difficile se non impossibile da determinare o da delimitare con la sola mente: è l'essere-nel-sublyme oltre ogni confine o limite in transautentica angoscia delirante, senza scopo, come è evidente dalla transvarietà infinita di epigenesi della follia: ma quello nel contempo può provocare al massimo o in eccedenza o in eccelsa autenticità la compassione di effetti extraordinari, o emozioni extraordinarie che svelino connessioni con il dolore positivo o il piacere negativo, quali ossimori del sublime. La differenza ontologica si immagina quando si è colpiti fortemente con qualunque transentità misteriosa che minacci la distruzione esistenziale: non si può accettare, e così la transcendenza sublime non genera inizialmente alcun semplice godimento o alcun vero piacere, ma la finalità ed il transtelos e alla fine la nike, la vittoria eventuano la percezione sublime della angoscia transautentica, quale preludio di un piacere nel dispiacere, o meglio di una infinità dinamica qualitativa nella passione per l'indifferenza alla paura, al terrorre, alla follia: è l'apeiron nell'arkè, la sublyme disvelatezza dell'essere nella morte sublime inaudita ed indicibile, impensabile ed inimmaginabile. D'altra parte la nike quale compassione infinita è sempre grande transtelos, è l' essere animati dalla ricerca delle intraprese di libertà, la più grande degli incentivi e perciò quelli sorgenti dall'alterezza del piacere nobile, magnanimo o molto alto o cuspidale o vertiginoso o pro-fondo o abissale, senza fondo, senza alcuno tramstelos, al di là del pensabile: inaudito, insondabile, inedito, indecidibile, indicibile: si dà nell'ossimora contrastanza dell'eristica, da nessuno disegnato o progettato prima o gettato quale gettatezza dell'essere per la morte sublyme: essere l'apeiron ontodynamica qualitativa dell'archè quale situazione emotiva, in moto infinito, al di là del piacere o del dispiacere dell'anima o del corpo animato, nella transpurezza della transautenticità: assenza presente del piacere del dolore, o compassione del dolore piacevole o dispiacere considerevole del disdolore. La differenza dell' essere extraordinaria del sublyme, mai guidata dalla ragione nel tempo, o del tempo, o del contempo, o dalle occasioni ma sempre al di là del tempo, o dell'ordinario tempo e quindi sempre in transcendenza, in transestasi aldilà delle paure e dei timori e degli orrori e dei semplici piaceri ordinari ed ordinabili, o ortogognali, o ortodossi in maniera da appagare le transvertigini, le sommità e gli abissi, le transcuspidi iperboliche e transellittiche, paraboliche e metaboliche ab-scisse, a-syn-totiche, transeccelse, transeccedenti, sublimi. Se qualcun dolore fosse sorto dalla mancanza di qualche soddisfazione, o ragione, quale angoscia per il nulla o in niente, o il non-ente, che si dia in contrastanza la paura o la vertigine dinanzi al baratro o all'abisso sublime troverebbe nelle grandi difficoltà lo spettacolo dell'essere per la morte, dell'essere nella transautenticità dell'esserci nobile, in transalterità o in transalterezza quale essere-sublime-nel-mondo-abissale o in transdecostruzione o in autodynamica dissipazione o dissoluzione irreversibile o in instabile apokatastasi dell'apokalisse, senza fine e perciò nella più transautentica transkatarsi del klynamen sublime: non è improbabile che quella sensazione di mancanza sia molto fastidiosa, perché alla fine si pensa si sia perso il transenso e il senno per sempre, quasi non si possa più intravedere il sentiero del ritorno dall'abisso o dall'odissea del tragico, o che non ci sia alcuna transmusa Kalypso o transmito al termine, al limite, lì nella radura sublyme in attesa del naufragio ed in prossimità dell'abitare poeticamente l'evento, quale sublyme-bellezza dell'essere-eroe o dell'essere-nel-transmito o dell'essere-per-la-nike. L'epigenesi del sublime è l'infinità, o il transfinito o l'infinito dinamico qualitativo. L'infinità ha una tendenza a riempire la mente con quel genere di orrore delizioso che è l'effetto più autentico della disvelatezza del sublime: il gegenstand che possa divenire ob-getto dei transensi è nella natura infinito..........
Ultima modifica di plethom su , modificato 1 volte in totale.
ontologia della physis, matesis, poiesis, katastrophè, ontopoiesis della spazio-temporalità immaginaria......
plethom
Musicista neonato
Musicista neonato
 
Messaggi: 129
Località: Italy

PrecedenteProssimo


Torna a Ditutto - Per chiacchierare a vanvera


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti



croncron