Sei qui: Home CDS - Tecniche Chitarristiche - Come fare il Bending
Bendings/Bend
Curvamento (della corda).

Consiste nel diteggiare una corda in un tasto specifico con un dito della mano sinistra, plettrare (o pizzicare) la corda, e strusciarla sul legno del manico con un movimento verticale verso l'alto o verso il basso.

La corda, venendo incurvata in un punto, aumenta la propria tensione, producendo un suono che tende a salire in'altezza in funzione del grado di curvatura della corda.

Il "Bending" può essere indicato sull'intavolatura (TAB) con la lettera "b".

Per esempio, possiamo avere:

-------------------
-------------------
------5b(7)-------
-------------------
-------------------
-------------------

In questo caso diteggiamo con un dito della mano sinistra la terza corda al quinto tasto, plettriamo (o pizzichiamo) la terza corda, e con un movimento verticale (verso l'alto o verso il basso) tendiamo la corda producendo un suono più acuto (=più alto) del suono di partenza.

Il suono che dobbiamo raggiungere è esattamente lo stesso che otterremmo diteggiando il settimo tasto sulla terza corda e plettrandola.

Il bending permette di salire ad un altezza di un quarto di Tono (" Microtonal-Bending " = " Slight Bend ", rappresentato sulla TAB o dal numero 1/4 indicante l'intonazione che sale di 1/4 di Tono o da una piccola croce al'interno di un cerchietto), di un Semitono (" Half-Bending " = " Half-Step-Bend ", indicato sulla TAB da un piccolo numero 1/2), di un Tono (" Full-Bending " = " Whole Bend ", indicato sulla TAB da un piccolo numero 1), di 1 Tono e Mezzo (indicato sulla TAB da un piccolo numero 1,5), di 2 Toni (indicato sulla TAB da un piccolo numero 2), di 2 Toni e Mezzo (indicato sulla TAB da un piccolo numero 2,5), di 3 Toni (indicato sulla TAB da un piccolo numero 3).

Quando si compie un bending senza raggiungere una specifica altezza si ha l'"Undeterminated-Bending".

Ci sono due durate da tenere in considerazione: il tempo che impieghiamo a curvare la corda (questo movimento può essere lento o veloce, e in questo secondo caso si parlerebbe di " Quick-Bend ", addirittura se fosse istantaneo si parlerebbe di " Grace Note Bend ", nel senso che sentiremmo solo la seconda nota che raggiungeremmo istantaneamente, come se non avessimo quasi nemmeno suonato la prima nota), e il tempo effettivo della nota (raggiunta l'altezza che dobbiamo raggiungere, lasciamo che il suono si prolunghi nel tempo della durata effettiva della nota da raggiungere).

Release: Rilascio. Il movimento inverso al bending si chiama "release" e spesso è indicato sull'intavolatura (TAB) dalla lettera "r".

Oppure può essere indipendente da un bending, e in questo caso si chiama Reverse-Bending.

Hai dei dubbi? Chiedi sul forum!!!

Consigli per gli Acquisti

Cerca su CDS
Condividi su FaceBook


Partner CDS

Acquari Low Cost
Consigli per investire

Contatti

Per conttatarmi puoi scrivermi qui: andreacatarsi77(chiocciola)gmail.com

Vetrina CDS

© 2005-2014 Copyright Chitarradaspiaggia.com - Assolutamente vietata la riproduzione anche solo parziale dei contenuti del sito se non attraverso esplicito consenso dell'autore