Pagina 1 di 1

Differenze tra manici di chitarra

MessaggioInviato:
di KOALINO
Faccio una domanda che forze sarà assurda, ma con la miriade di chitarre che ci sono in giro ed essendo un principiante, chiedevo quale fosse la differenza tra i manici delle varie chitarre elettriche, Fender strato, Tele, Ibanez, Gibson, Red Special ecc... Larghezza, lunghezza bombatura ecc...

MessaggioInviato:
di Mr. D
Allora per ora ho trovato:

RED SPECIAL

Codice: Seleziona tutto
Corpo e manico

Il top del corpo è, come la tastiera a 24 tasti (2 ottave), in quercia ed è stato svuotato in alcuni punti per creare delle camere tonali, contributo importante al caratteristico sound della Red Special, mentre il retro è in mogano, ricavato da parti di un caminetto. Il contorno bianco sul corpo (binding, in gergo) è realizzato con gli stessi materiali che si usano per contornare le mensole.

Il manico, nello stesso mogano del retro del corpo, ha una scala di 24 pollici per 610 mm, più corta della media delle elettriche in commercio, ed è ricoperto con una vernice trasparente che dà una sensazione tattile molto particolare, tipica dei manici in acero laccati. Dotato di un tasto zero e una guida in bachelite, ha dimensioni superiori alla media sia in larghezza (47 mm. al capotasto e 51 mm. al 12° tasto) che in profondità (25 mm. al capotasto e 27 mm. al 12° tasto). Per ricavare i punti segnatasto applicati sul manico Brian usò dei bottoni in madreperla.

Ponte e tremolo


GIBSON

Leggi qua che anche se un pò lungo è molto interessante

http://it.wikipedia.org/wiki/Gibson_Les ... d_e_Custom


Wikipedia

adesso cerco gli altri :wink:

MessaggioInviato:
di Henryx
Principalmente le caratteristiche di un manico sono:

1) Legni utilizzati

2) Numero di pezzi di legno per manico, tastiera e manico-tastiera (nel caso di manici e tastiera in acero in blocco unico).

3) Tipologia di truss rod (tilt neck, ecc) e posizione per accedere alla regolazione (o sulla paletta o sul tacco).

4) Radius (ovvero curvatura della tastiera

5) Profilo del manico (C, V, U, ecc)

6) Spessore e larghezza

7) Numero tasti esposti nel caso di chitarre acustiche, numero di tasti nel caso di elettriche.

8) Forma della paletta

9) Attacco del manico (manico avvitato, incollato o neck-thru)

10) Tipo di verniciatura manico e tastiera o rifinitura satinata.

11) Tipi di tasti utilizzati (vintage, jumbo, medium, normal size, ecc)

12) Rifiniture come scaloppatura, binding, ecc.

MessaggioInviato:
di KOALINO
ok ci rinuncio, io volevo solo sapere quale chitarra ha il manico più stretto o largo, lungo o corto.

MessaggioInviato:
di Mr. D
Per quanto riguarda la fender ho trovato le caratteristiche dei profili dei manici...

FENDER

Codice: Seleziona tutto
Cosa vuol dire che la forma del manico è a V, a C o a U?
Oggi in Fender usiamo le lettere V, C ed U nel tentativo di descrivere il "profilo del manico", ovvero la forma ed il contorno della parte posteriore dei manici delle nostre chitarre. La forma dei manici descritti con queste lettere corrisponde all'incirca (anche se non in modo così esagerato) all'apparenza visiva della lettera corrispondente. I manici a V sono disponibili in due versioni, a V "chiusa" ("hard") o "aperta ("soft"). La V "aperta" è un po' arrotondata, mentre la V "chiusa" è in qualche modo un po' più appuntita. Esiste un certo numero di altre descrizioni di forme di manico alle quali non corrisponde direttamente la forma di una lettera. Si tratta di manici "ovali" o dei moderni "ovali appiattiti". Comunque in molti usano la lettera "C" per fare riferimento a queste forme "ovali". I manici a "U" sono spessi ed arrotondati, con spalle alte, e se se ne esagera la forma si ottiene appunto una specie di lettera "U". Senza dubbio, il modo più facile per capire l'applicazione di questi termini consiste nel mettere le mani sul manico e "sentirne" il tipo di forma, anche se l'uso delle lettere appena descritte è piuttosto accurato per descrivere la forma della parte posteriore dei manici delle chitarre Fender. Spesso si è fatta confusione tra le lettere V, C ed U usate per descrivere le forme posteriori dei manici e l'uso delle lettere A, B, C e D per descrivere le ampiezze di manico Fender. Durante il periodo di tempo tra gli inizi degli anni '60 e gli inizi degli anni '70, alla Fender abbiamo usate le lettere A, B, C e D per fare specifico riferimento alle ampiezze dei manici delle nostre chitarre all'altezza del capotasto. Queste lettere venivano stampate alla base dei manici e non facevano alcun riferimento alla forma del contorno del manico. L'ampiezza di una "A" era di 1 1/2" (38 mm. circa) al manico, una "B" era di 1 5/8" (41,3 mm. circa), una "C" era di 1 3/4" (44,5 mm. circa) mentre la "D" era di 1 7/8" (47,5 mm. circa).